Caprese al pistacchio

Caprese al pistacchio di Bronte. Un dolce all’ “oro verde”

378 Visite

Tutti quanto noi abbiamo delle attività che ci rilassano, ci ricaricano e in alcuni momenti ci restituiscono anche quel pizzico di buonumore capace di farci fare pace con il mondo. Il mio, se ancora non si fosse capito, è buono quando sono in mezzo al cibo, che sia cotto o da cuocere, è la mia isola felice: supermercati, gastronomie, saloni del gusto non hanno segreti per me.

In uno di questi mie “Pellegrinaggi”, mentre con aria sognante mi aggiravo nei meandri di scaffali pieni di materie prime…la mia attenzione è stata catturata da un intero scaffale dedicato al Pistacchio del Bronte e a tutti i suoi derivati.

Pistacchi interi, sgusciati, salati e dolci; pistacchio in granella, crema spalmabile al pistacchio, biscotti al pistacchio, farina di pistacchio, olio di pistacchio, pistacchio essiccato… e ancora, ancora, ancora, tanti nomi che terminavano con “pistacchio”.

È già da qualche tempo che la pistacchiomania è scoppiata: troviamo questo delizioso frutto nelle insalate, nei salumi e nei formaggi. Il pesto di pistacchio è diventato famoso come quello di basilico e alla tradizionale pizza margherita si è affiancata la pizza “pistacchiella”. Per non parlare dei panettoni artigianali e delle colombe.

Ritornando al mio scaffale dedicato al pistacchio, mi sono fatta sedurre da una farina di pistacchio e una pasta-madre di pistacchio e mi sono cimentata in una mia personalissima ricetta di Caprese al Pistacchio.

E devo dire che dopo qualche prova, sono arrivata a quella che secondo me è la ricetta perfetta!

Nulla di complicato, solo saporito.

Se anche voi siete stati contagiati dalla “Pistacchiomania”, vi consiglio di provare a farla…non ve ne pentirete.

Ingredienti per la Caprese al pistacchio

200 g di farina dipistacchio

100g di farina di mandorle

250g di cioccolato bianco

50 g di pasta-madre di pistacchio

200 g di burro

150 g di zucchero

6 uova

succo di limone q.b.

zucchero a velo q.b.

granella di pistacchio q.b.

Procedimento:

Separiamo gli albumi dai tuorli. Lavoriamo gli albumi con qualche goccia di limone, devono essere consistenti, non necessariamente a neve ferma.

Lavoriamo i tuorli con lo zucchero, il composto dovrà essere spumoso, aggiungiamo il burro fuso tiepido, poi la pasta-madre di pistacchio e lavoriamo per 5 minuti. È la volta del cioccolato bianco sciolto a bagnomaria. Aggiungiamo entrambe le farine e mescoliamo.

Per ultimo aggiungiamo gli albumi, avendo cura di non farli smontare, amalgamiamo bene il tutto e versiamo in una teglia precedentemente imburrata e inforniamo a 180°, modalità statica per 35 minuti.

Trascorso il tempo, facciamo la prova stecchino, il composto dovrà risultare compatto e umidiccio.

Una volta raffreddata, spolverare con abbondante zucchero a velo e guarnire con granella di pistacchio. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

I post più recenti nella categoria La cucina di Rosmunda