©Samanthe Hurley | Burst

Di famiglia, tradizione e altre imponderabili sciocchezze

317 Visite

Negli ultimi giorni, la baruffa quotidiana in cui gli italiani amano accapigliarsi (e nella quale spesso si lascia coinvolgere anche chi vi scrive) si è focalizzata sull’elezione delle presidenze dei due rami del parlamento. Lasciamo, per un attimo, la gazzarra degli applausi e dei fischi, dei pro e dei contro (che come in quella scena de I tartassati di Totò e Aldo Fabrizi, spesso confusi, si confondono tra loro). Quello che invece ci ha incuriosito, scartabellando siti e giornali, è stato trovare per entrambi il riferimento politico e culturale alla famiglia e alla tradizione. Un vero vessillo ideologico, attorno al quale pare si ergano fieri. La difesa della famiglia tradizionale. Una roba che io non ho mai capito. Ma che vuol dire? Difendere la famiglia è concetto già di per sé piuttosto contorto. In più bisognerebbe capire cosa sia quella tradizionale. E ancora in che senso difenderla? E soprattutto, da cosa o da chi? Andiamo per gradi.

Difesa della famiglia tradizionale, ma quale esattamente?

La famiglia parrebbe essere tale solo se inserita nella tradizione, anche se non si sa bene quale. Dubito che si intenda quella greca/romana: nella classicità occidentale (quella orientale è ancora peggio, almeno per chi la consideri in questo senso) la famiglia altro non è che un accordo, tendenzialmente sociale e politico. Nulla a che fare col resto,  amore, sentimento, cura dei figli, figuriamoci. Anzi, i primi due erano fortemente legati alla sessualità ma se solo ci impelaghiamo in certi discorsi, con quello che combinavano quegli sporcaccioni, rischiamo di far venire il coccolone a qualcuno. Insomma tradizione romana sì ma senza indagare troppo, meglio. Allora c’è da supporre che per tradizione, si intenda quella cristiana, giudaico-cristiana, come si sente dire in giro. Attenzione però, gli ebrei lasciamoli perdere, perché anche loro in fatto di famiglia, almeno in senso storico, lasciavano un pochino a desiderare. Già solo a capirci qualcosa, nella Bibbia, tra discendenze generate da mogli, concubine e schiave, c’è da impazzirci dentro. Va bene, giochiamo solo coi cristiani d’Occidente allora. Partendo da una cacchio di base certa, che occorre. Gesù, Giuseppe e Maria, siano la salvezza dell’anima mia, almeno qua ci siamo. Più o meno. Ci saremmo, se non considerassimo il fatto che Giuseppe era un padre d’adozione. E se, anche qua, ci impelagassimo nei dettagli, tra verginità, generati e non creati e altre minuzie teologiche sviscerate nei secoli, rischiamo di fare di nuovo il botto. Lo spirito santo è persona poco chiara che potrebbe creare più di qualche problema, tralasciamo. Va a finire che la famiglia tradizionale sia quella dei nostri padri, dei nostri nonni. Quella cioè, divenuta strumento politico e sociale, dal dopoguerra a oggi. Quella marito/moglie/figli e amen. Quella dell’angelo del focolare, quella del “bello di mamma”, quella del mio marito, mia moglie, i miei figli. Insomma quella roba che ha sempre funzionato negli spot pubblicitari.

In effetti la famiglia è perfetta, per delitti passionali, tradimenti da commedia e aspirazioni borghesi

Però anche quella famiglia là aveva altro che zone d’ombra. Veri e propri abissi. Sui quali, borghesemente si ironizzava. E così tra vizietti, mogli in vacanza e mariti in città, barzellette, segretarie e idraulici e chi più ne ha più ne metta, si tirava a campare, tralasciando allegramente che dagli anni cinquanta ad oggi, il numero dei crimini più efferati, delle ingiustizie e delle violenze è avvenuto tra le mura domestiche (ed è un numero, quasi sempre per ipocrisia e omertà, decisamente arrotondato per difetto). Intendiamoci, la società contemporanea è certamente diversa da quella della famiglia del Mulino Bianco. È una società 2.0. Ma aldilà del fatto che i padri di oggi sembrano degli studenti universitari un po’ invecchiati e le mamme passino gran parte del loro tempo sui social a fare concorrenza (estetica e ancor peggio cerebrale) ai figli, non è cambiato poi molto. Insomma, siamo ancora quelli delle commedie all’italiana, alla Lino Banfi. E sposarsi e mettere su famiglia resta l’unico obiettivo sociale, garantito e favorito anche dalla costituzione e da un numero consistente di leggi in ogni ambito. Il guaio, semmai, è che altre “categorie” stanno insidiando il meccanismo, rischiando, per gli idealisti della famiglia, di far implodere il sistema dall’interno. Le coppie dello stesso sesso premono affinché gli venga riconosciuto uno status che possa in qualche modo normalizzarli socialmente. Ed è un peccato, perché è uno status borghese quello che cercano. Meglio sarebbe stato semmai, se avessero provato a scrollare la torre d’avorio, in nome di una vera ristrutturazione sociale. Così più che una rivoluzione, è un cambiare tutto alla Tancredi. Il punto però sta solo in questo, non se ne trovano altri.

Il culto della famiglia tradizionale è un comodo cuscino su cui distendere il muscolo atrofizzato della coscienza collettiva e al tempo stesso, un modo più o meno camuffato per sfogare la propria intolleranza verso la diversità.

Una fandonia terribile, insomma. E il fatto che i neo due eletti presidenti delle Camere se ne facciano da sempre fieri promotori rende bene l’idea del criterio di misura su cui dovremo confrontarci.

Ps. Ho appena scoperto che Ignazio Benito Maria La Russa ha tre figli: Antonino Geronimo, Lorenzo Cochis e Leonardo Apache. Forse sarebbe bastato scrivere questo, senza aggiungere altro. I guai in famiglia.

I post più recenti nella categoria L'Altra medaglia