polonia

Berlinguer e Sciascia. Un caso di afflizione – di ritorno dalla mostra “I luoghi e le parole di Enrico Berlinguer” in corso a Roma fino all’11 febbraio 2024

501 Visite

Parliamo di Berlinguer e Sciascia. Franco Garofalo scrive del loro rapporto contrapposto sulla base dei documenti apprezzabili nell’importantissima mostra in corso al Mattatoio-Città dell’Altra Economia di Roma, dal titolo I Luoghi e le parole di Enrico Berlinguer realizzata dal Comune e dal Palaexpo con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e che si concluderà l’11 febbraio 2024. Lingua e personalità mitica di Berlinguer ai tempi di un’Italia energica e invitta, già antica Tutti gl’italiani, nati o non nati ancora al tempo della sua avventura esistenziale, che lo sappiano o no, devono qualcosa a uomini come Enrico Berlinguer: è…

Continua a leggere

Ecco i Paesi che abbandonano l’Ucraina. La guerra fondamentale per “salvare l’Occidente” non è più una priorità

349 Visite

Improvvisamente la guerra per salvare l’Occidente non sembra interessare più molto quei Paesi che hanno nella vicenda un ruolo cruciale. Come gli Stati Uniti, con le recenti dichiarazione di McCarthy; la Polonia, che è sempre stata tra i sostenitori più severi di Kiev e anche la più vicina sul territorio, quasi da condividere, sembrava, lo stesso destino. Ma anche i maggiori 5 Paesi in Europa stanno prendendo nuove e inattese misure. Ecco i Paesi che abbandonano l’Ucraina. Ecco i Paesi che abbandonano L’Ucraina. Cominciamo dalla Polonia La Polonia volta le spalle a Kiev: lo ha annunciato il suo primo ministro,…

Continua a leggere

“O torni a casa tua o non lascerai mai la foresta”. I rapporti di Amnesty International e lo scandalo Frontex

149 Visite

“O tornerai a casa tua o non lascerai mai la foresta”. Questo il titolo del rapporto pubblicato sulla Lettonia da Amnesty International che denuncia nuove violazioni dei diritti umani nei confronti di rifugiati e migranti, compresi bambini, vittime di torture e reclusioni segrete all’interno della foresta, poi con atti violenti respinti in Bielorussia. Eve Geddie, direttrice dell’Ufficio di Amnesty International presso le istituzioni europee ha dichiarato: “La Lettonia ha dato ai migranti e ai rifugiati un crudele ultimatum: accettare di tornare ‘volontariamente’ nei loro paesi oppure rimanere lasciati a sé stessi lungo il confine, rischiando la detenzione, i rimpatri illegali…

Continua a leggere